Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+

Sergio Cofferati

Focus On

NUOVA RICHIESTA PER UNA SEDE UNICA DEL PARLAMENTO EUROPEO

Durante l’ultima seduta plenaria del Parlamento Europeo gli eurodeputati, nel corso di un dibattito con la Commissione e il Consiglio, hanno ribadito la loro richiesta per una sede unica del Parlamento Europeo.

Più volte negli anni scorsi la grande maggioranza dei parlamentari europei si è espressa a favore di una sede unica e anche i cittadini europei, nel 2015, hanno manifestato una forte opinione in tal senso attraverso una petizione che raccolse oltre un milione di firme. Unificare le due attuali sedi del Parlamento Europeo – quella ufficiale e storica di Strasburgo in Francia e quella di Bruxelles in Belgio – comporterebbe una gestione efficiente delle risorse, non solo in termini di risparmio economico ma anche di gestione personale e del tempo di lavoro, e di sostenibilità ambientale.

La maggior parte dei deputati è a favore della sede unica e sembra prediligere Bruxelles, città dove risiedono anche gli altri principali organi dell’Unione Europea, in particolare la Commissione europea e il Consiglio europeo. Tuttavia, benché appaia decisamente paradossale, non spetta al Parlamento Europeo la decisione sulla propria sede e quindi sulla possibilità di avere una sede unica. Questa richiede una modifica del Trattato UE e quindi l’unanimità tra i Governi, alcuni dei quali continuano ad opporsi per difesa di posizioni nazionali, rendendo così ancora difficile la realizzazione della sede unica.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+