Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+

Sergio Cofferati

Focus On

CLIMA: PE ADOTTA NUOVI OBIETTIVI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI, IN LINEA CON GLI ACCORDI DI PARIGI

Durante l’ultima sessione plenaria a Strasburgo il Parlamento Europeo ha adottato nuovi obiettivi obbligatori di riduzione delle emissioni dei gas serra, sulla base dell’accordo sul clima di Parigi. Si tratta di una decisione importante, che arriva nel momento in cui il presidente degli Stati Uniti ha deciso di ritirarsi dagli accordi parigini, suscitando dure reazioni internazionali.

Il Presidente della Commissione Europea ha espresso una posizione aspramente critica verso le scelte di Trump e ha confermato che la UE non rinegozierà l’accordo di Parigi.

I nuovi obiettivi vincolanti approvati dal Parlamento Europeo prevedono una riduzione del livello europeo di CO2 del 40% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, ripartiti su base nazionale per i settori non coperti dal mercato UE del carbonio (ETS) quali l’agricoltura, i trasporti, l’edilizia e i rifiuti, che rappresentano il 60% delle emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea. L’obiettivo di riduzione del 40% è stato fissato dal Consiglio europeo dell’ottobre 2014 ed è anche un impegno internazionale dell’UE. Ogni Stato membro dovrà seguire un percorso di riduzione delle emissioni, calcolato a partire da un punto di partenza nel 2018. Per l’Italia l’obiettivo è di una riduzione del 33% delle emissioni sul 2030. Ora, partendo dal testo approvato dalla plenaria del Parlamento Europea, inizieranno i negoziati con il Consiglio e la Commissione.

Oggi il cambiamento climatico è una delle sfide più urgenti e complesse che dobbiamo affrontare per salvaguardare il pianeta e creare nuove opportunità di crescita sostenibile. E’ importante che l’Unione Europea faccia fino in fondo la sua parte, facendo seguire agli impegni di Parigi decisioni ambiziose e vincolanti.

Leggi il testo approvato.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+