Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+

Sergio Cofferati

Focus On

ACQUA POTABILE: SERVE PIÙ CORAGGIO PER GARANTIRE IL DIRITTO DI ACCESSO A TUTTI I CITTADINI EUROPEI

Nel 2012 venne lanciata l’iniziativa popolare “Right 2 water”, sottoscritta da quasi 2 milioni di persone, che richiedeva venisse garantito a tutti il diritto di accesso all’acqua potabile. La Commissione rispose a quest’iniziativa con una proposta di revisione della precedente direttiva che regolava la materia. Nel corso della sessione plenaria di ottobre a Strasburgo, il Parlamento Europeo ha approvato con una strettissima maggioranza la sua relazione alla proposta della Commissione.

Seppur ritengo positiva l’iniziativa della Commissione e necessario l’avvio di un negoziato, ho scelto come molti altri colleghi di astenermi nel voto in plenaria. Infatti, nonostante siano stati intrapresi alcuni significativi passi in avanti come la volontà di assicurare il libero accesso all’acqua potabile in tutti gli edifici pubblici scoraggiando l’uso di bottiglie di plastica, il testo avrebbe dovuto essere più ambizioso in alcuni settori chiave. Infatti, la maggioranza dei membri del Parlamento Europeo ha rifiutato di inserire nel testo della relazione obblighi vincolanti in capo agli Stati membri, quale ad esempio quello di fornire un approvvigionamento minimo di acqua per ogni cittadino.

Sono stati fatti alcuni miglioramenti anche nei confronti dei PFAS (sostanze perfluoro alchiliche), acidi altamente tossici presenti in grande quantità specialmente nell’acqua della Regione Veneto, come emerso nel luglio scorso. Tuttavia, anche in questo caso, sebbene il limite della presenza di quest’acqua sia stato fissato a 0.50 microgrammi per litro, il testo avrebbe dovuto essere più ambizioso prevedendo come limite lo zero. È infatti inaccettabile che si continui a perseguire la logica che mette l’interesse economico al di sopra della salute delle persone.

È assolutamente necessario che si continui a lavorare duramente per produrre un testo normativo che sia davvero in grado di fornire a tutti un’acqua potabile del tutto sicura e priva di sostanze inquinanti.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+